HTA (Health Technology Assessment)

COMUNICATO STAMPA

ENDOFASTER RICONOSCIUTO COME DISPOSITIVO MEDICO COST SAVING PER IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE NELL'AMBITO DELLA CONFERENZA NAZIONALE SUI DISPOSITIVI MEDICI

Il Ministero della Salute ha inserito il dispositivo di Niso Biomed, per l'analisi dei succhi gastrici negli esami gastroscopici, tra le tre tecnologie sanitarie in grado generare importanti risparmi per la Sanità pubblica, in una lista di oltre 100 prodotti.


Roma, 18 Dicembre 2015

EndoFaster 21-42, il dispositivo medico prodotto e distribuito dalla startup torinese NISO Biomed per l'analisi non invasiva dei succhi gastrici finalizzata alla diagnosi precoce di neoplasie dell'apparato gastrico, è salito sul podio delle tre tecnologie sanitarie in grado generare risparmi per la Sanità pubblica. Secondo gli studi evidenziati, infatti, l'analisi in "real time" del succo gastrico durante l'esame comporta una riduzione dei costi di esercizio rispetto alle procedure diagnostiche convenzionali di almeno 90.000 €/anno per ogni centro di endoscopia.

La notizia è stata resa nota oggi 18 dicembre 2015, durante la seconda giornata dell'VIII Conferenza Nazionale sui Dispositivi Medici (CNMD) in programma a Roma.

La selezione è stata realizzata per conto del Ministero della Salute dall'Alta Scuola di Economia e Management dei Servizi sanitari dell'Università Cattolica del Sacro Cuore (Altems), partendo da una lista di oltre 100 prodotti potenzialmente cost-saving compilata grazie al supporto di un illustre advisory board. Una tecnologia può definirsi cost saving se, confrontata con una possibile alternativa, comporta dei risparmi per l'ospedale o il Sistema sanitario. Nel caso di EndoFaster, il risparmio è generato dalla riduzione di prelievi bioptici ed esecuzione di esami istologici, dalla maggiore accuratezza degli esami endoscopici e dalla conseguente riduzione di richieste per ulteriori esami diagnostici e dalla riduzione delle liste d'attesa. Il dispositivo, infatti, guida il medico durante una sessione gastroscopica nell'individuazione della migliore area di campionamento bioptico dello stomaco e analizza in tempo reale il succo gastrico prelevato, permettendo di valutare istantaneamente i livelli di acidità e la presenza dell'infezione da Helicobacter Pylori e quindi di determinare la presenza di infezioni o di fattori di rischio tumorali. In tal modo il medico può decidere se è il caso di procedere con esami più approfonditi oppure no, evitando di conseguenza altre analisi non necessarie e costose. Inoltre EndoFaster verifica per i pazienti affetti da reflusso gastro-esofageo l'efficacia delle terapie anti-acide e permette la correzione e ottimizzazione del trattamento.

L'accuratezza diagnostica di EndoFaster è stata validata da numerose sperimentazioni cliniche condotte dai maggiori centri centri di eccellenza internazionali e da medici di riferimento, tra cui il Prof. Guido Costamagna presso il Policlinico Gemelli, il Prof. Alessandro Repici presso l'Istituto Humanitas e l'Addensbrooke's Hospital di Cambridge.

A sviluppare il progetto è stato un imprenditore torinese, Paul Muller: "isolare in anticipo i pazienti a rischio di tumore significa risparmiare al paziente, così come alla struttura sanitaria, lunghe e costose analisi" afferma Muller. Inoltre "la possibilità di avere i risultati dell'esame gastroscopico in tempo reale e la riduzione dell'invasività dell'indagine comportano anche vantaggi di tipo organizzativo: riduzione dei prelievi e degli esami istologici come delle biopsie inappropriate, riduzione dei tempi di esecuzione dell'esame gastroscopico e delle relative liste di attesa".

NISO Biomed nel 2014 è stata insignita del premio Leonardo Startup dall'allora Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e del Premio Nazionale per l'Innovazione promosso dal Governo italiano.

Dopo quattro anni di sviluppo e la validazione clinica, nel 2013 il dispositivo è arrivato nei primi ospedali, in Italia e all'estero. "Attualmente i nostri mercati di riferimento sono Italia e Regno Unito ma ci stiamo allargando a nuovi Paesi come Israele, Spagna e Arabia Saudita e vogliamo proseguire verso mercati che hanno dimostrato attenzione per la nostra attività o che presentano grandi potenzialità come Giappone, USA e India" conclude Paul Muller.

L'Altems ha pubblicato sul proprio sito, per ciascuna delle tre tecnologie classificate cost saving, un mini Hta report (Heath tecnology assessment). Si riporta qui di seguito il link per scaricare l'Hta report relativo a EndoFaster: http://altems.unicatt.it/altems-determinanti-modelli-di-diffusione-e-impatto-di-medical-devices-cost-saving-presentazione.